ls2 bolton

LS2 Bolton: la giacca da tutti i giorni per la città

Che siate amanti o meno delle moto, che vi piacciano i bestioni macina chilometri oppure i missili da pista, se abitate in una metropoli come Milano non potete non conoscere i vantaggi della mobilità su due ruote. Proprio per questo negli ultimi anni il numero di ‘motociclisti per necessità’ è aumentato sensibilmente. In questo contesto nasce la nuova giacca Bolton di LS2. È studiata per dare il massimo negli spostamenti quotidiani. Il design è semplice, pulito, ma nasconde tutto ciò che serve per sgusciare nel traffico in sicurezza.

Come è fatta la nuova LS2 Bolton

La giacca Bolton è pensata appositamente per le stagioni intermedie e gli inverni miti. Realizzata in softshell a triplo strato è impermeabile e antivento. Non è fatta per le condizioni estreme, ma non teme le giornate di maltempo. La sicurezza del motociclista è garantita dalle protezioni estraibili su spalle e gomiti, certificate a livello CE 1. Inoltre è possibile incorporare un paraschiena (LS2 851 Livello 2). A completare la dotazione c’è anche la predisposizione per una protezione petto. All’interno si trova una fodera termica estraibile.

La novità di LS2 è dotata di un cappuccio (sempre estraibile) e la cerniera esterna è impermeabile. Delle strisce riflettenti aumentano la sicurezza passiva. Proprio perché studiata per il motociclista che affronta il tragitto casa-lavoro, Bolton non perde di vista la praticità: ci sono tasche laterali e una sul petto. È disponibile in un solo colore, nero, e nelle taglie dalla S alla 5XL sia nella versione maschile sia nella versione femminile. Il prezzo è di 149 euro.

Questo nuovo prodotto firmato LS2 risponde alle esigenze dei motociclisti che hanno bisogno di semplicità e praticità. La fretta di raggiungere l’ufficio, e il bisogno di sentirsi meno costretti rispetto ai capi tecnici da sparata sui tornanti, possono portare a sottovalutare l’importanza delle protezioni. Con la giacca Bolton è possibile conciliare la necessità di proteggersi con la frenesia quotidiana, nell’attesa della domenica per vestire l’armatura con le saponette.