Aprilia RS 457 pre-booking

Aprilia RS 457, via al pre-booking della sportiva formato A2

La patente A2 è un po’ come un collare a strozzo per noi smanettoni, lo so. Fare le cose per gradi aiuta a crescere, ma a nessun motociclista è mai piaciuto vedersi sbarrare le porte dei configuratori con quel fastidioso simbolino “A2”. Aprilia ha lavorato per rendere più esaltante il mondo dei 35kw e ora sforna in grande stile la RS 457.

Arriva al prezzo di 7.199 euro, è muscolosa, leggera, tecnologica e da oggi è ordinabile online. Con la RS 457 Aprilia ha lanciato un sistema di pre-booking per consentire ai clienti di accaparrarsi i primi esemplari della nuova nata. È sufficiente seguire la procedura guidata sulla pagina web Aprilia.com.

Bicilindrica e leggerissima

A spingere la nuova Aprilia RS 457 c’è un bicilindrico fronte marcia che eroga 47,6cv. È il massimo consentito dalla normativa per la patente A2. Qualcuno potrebbe sentire odore di RS 660 e in effetti qualche soluzione viene presa, e riadattata, proprio da lei.

La casa di Noale, però, è categorica nel dire che il progetto della RS 457 è completamente nuovo e spinto per dare il massimo. Il peso è ridottissimo: 159kg a secco, che diventano 175 con il pieno di liquidi. Con questi numeri la Aprilia RS 457 è il riferimento della sua categoria.

Ciclistica e tecnologia da grande

Il telaio è in alluminio con funzione portante del motore e la ciclistica vanta sospensioni regolabili. La dotazione tecnologica è da vera “sbrana cordoli”. L’acceleratore elettronico Ride-by-Wire lavora con tre riding-mode che modificano l’erogazione di potenza e coppia. Sotto alla supervisione delle mappature c’è anche il traction control. È regolabile su tre livelli. Sulla nuova Aprilia la strumentazione è a colori, con uno schermo TFT da 5’’ e i comandi retroilluminati.

La RS 457 punta a diventare la complice di tutti gli smanettoni alle prime armi, non vede l’ora di mettere le ruote in pista. La prova è il cambio elettronico Quickshift offerto come accessorio originale. Non vi basta? C’è già una versione da pista equipaggiata con un kit Aprilia Racing (ve la raccontiamo qui). Dunque la dotazione è da sportiva di razza, il know-how di Aprilia c’è tutto. La sorella maggiore 660 si è rivelata una soluzione vincente per la casa, ora siamo curiosi di scoprire cosa saprà fare la RS 457.